Sostieni i nostri progetti con il tuo contributo!

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI CON UNA DONAZIONE

venerdì 4 ottobre 2013

Operazione “vacanze pulite”: ricordi di un’estate

Puliamo la spiaggia (3)

OPERAZIONE “VACANZE PULITE”: RICORDI DI UN’ESTATE

Quante volte siamo arrivati su una bella spiaggia o un crinale apparentemente inesplorato per accorgerci immediatamente della presenza odiosa di una miriade di rifiuti lasciati da chi ci ha preceduti?

Puliamo la spiaggia

Mi viene una rabbia quando penso che tanta gente non ha il minimo senso civile!Puliamo la spiaggia

Spesso scatta un meccanismo terribile nella maggioranza delle persone, anche in quelle che rimangono apparentemente sconvolte da questo orrore, per cui “se non sono stato io, non tocca a me pulire” o ancora “ con tutti i soldi che paghiamo di tasse, non dovremmo pensarci certo noi!”… e così via.

Puliamo la spiaggia

Ma dove viviamo?

In che maniera orrenda ci siamo ridotti il cervello?

Se c’è qualcosa a terra che non ci dovrebbe essere, perché un imbecille ha deciso di lasciare segni inconfutabili del suo sporco passaggio, ognuno si deve sentire direttamente responsabile, perché appartenente alla razza umana, il parassita più pericoloso di questo pianeta violentato e bistrattato: l’uomo è l’unico animale che produce rifiuti e che inquina, giusto per ricordarlo a chi si ritiene all’apice della gerarchia evolutiva!

Puliamo la spiaggia (1)

Io mi sento assolutamente responsabile e in dovere di fare qualcosa per rimediare, anche se solo in minima parte purtroppo, ai danni causati da gente ignorante e insensibile che riesce a creare un disastro ambientale dopo l’altro, anche solo passando una mattinata al mare o su un prato di montagna.

Puliamo la spiaggia (2)

Le spiagge sono uno dei segni più eloquenti dell’inciviltà umana: mozziconi spenti sulla sabbia come fosse un enorme posacenere (saprei io dove spegnerli a chi fuma e li lascia in giro!), carte di caramelle e merendine, bottiglie, lattine, tappi, buste di plastica… ma dove andremo a finire?Puliamo la spiaggia (4)

E quello che poi il mare, stufo dei nostri quotidiani abusi, ci riporta a riva con le burrasche?

Aspettiamo che arrivino i volontari di Greenpeace o Legambiente, o ci diamo finalmente una mossa?Puliamo la spiaggia (5)

Tutti gli anni, quando arrivo nella località di villeggiatura dove amo passare le mie vacanze settembrine, trovo la spiaggia in condizioni orrende.

Che faccio?

Puliamo la spiaggia (6)

Io e la mia famiglia cominciamo a pulire, armati fino ai denti di palette, secchielli, setaccio, pinze e sacchetti, passeggiando sul bagnasciuga e ripulendolo di tutte le schifezze che lo deturpano.Puliamo la spiaggia (7)

La gente ci guarda spesso stranita (“Da dove vengono costoro? Cosa vorranno dimostrare?”): a volte qualcuno ci dice “Bravi!”, ma rimane incollato col sedere all’asciugamano come se fosse impossibilitato ad effettuare qualsiasi movimento tranne spalmarsi la crema solare.Puliamo la spiaggia (8)

Questa prassi avviene il primo giorno di vacanza e prosegue ogni volta che ci ritroviamo su una spiaggia o pineta diversa.Puliamo la spiaggia (10)

L’ultimo giorno di ferie la spiaggia è sempre più pulita di quando siamo arrivati, ma una “ramazzata” finale non ci costa nulla ed è il nostro cordiale arrivederci e un grazie per averci ospitati.

Puliamo la spiaggia (11)

Ai bambini piace molto dare una mano e spesso arrivano curiosi e si vogliono aggregare: ed ecco una sfilza di secchielli e palette d’assalto, pronti a costruire, invece del solito castello di sabbia, un mondo migliore, fatto di rispetto, condivisione e amore per la Natura.

Puliamo la spiaggia

Nessun commento:

Posta un commento

Post recenti