Sostieni i nostri progetti con il tuo contributo!

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI CON UNA DONAZIONE

lunedì 14 aprile 2014

Mostra “Sfogliami-Ti racconto la natura con gli occhi dell’arte” in biblioteca a Sala Bolognese

Nel mese di marzo 2014 si è svolta la bellissima mostra “Sfogliami-Ti racconto la natura con gli occhi dell’arte” in biblioteca a Sala Bolognese: un evento itinerante per Terre d’Acqua, con allestimento a cura di ReMida e la collaborazione di tutte le biblioteche di Terre d’Acqua, con materiali di scarto e tante opportunità per interagire con il il macro tema della natura, mescolata magicamente ai libri, custodi di cellulosa e sapere.

Tanti bellissimi libri da sfogliare, una lavagna luminosa per sperimentare le ombre degli oggetti di scarto, un tavolo e tanto materiale organico (fiori, foglie, ecc) per potersi sbizzarrire in trasformazioni e disegni fantasiosi.

Sono stati organizzati laboratori tematici per la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria, ma tutto il materiale era comunque a disposizione dei visitatori “non scolastici”.

I libri comparsi alla mostra, sono stati divisi tra le biblioteche di Terre d’Acqua e sono andati ad arricchire le biblioteche ragazzi degli stessi Comuni.

Sfogliami - Mostra in biblioteca - marzo 2014 (1)

domenica 13 aprile 2014

Storie a piedi scalzi: Il fantasma

Questa storia a piedi scalzi “horror” è stata inventata da Riccardo, in un pomeriggio di marzo 2014.

Il fantasma

Il fantasma

C'era una volta un temporale e il guardiano del faro era dentro al faro.
Mentre toccava una leva, un fulmine colpì la cima del faro e la leva, facendo da conduttore, fulminò il guardiano.
Il guardiano resuscitò, ma non era più un umano: era un fantasma!
Duecento anni dopo, dei piccoli esploratori sbarcarono su quell'isola, si persero nella foresta e venne un temporale.
Videro un faro e, pensando che fosse un riparo sicuro, ci entrarono.
La porta si chiuse dietro di loro, sentirono un fruscio: qualcuno aveva acceso il faro, perché videro una luce accecante.
Una cosa era sicura: non erano soli, c'era qualcun altro.
Salirono le scale, andarono ai comandi.
Il fantasma li catturò uno per uno.
Il fantasma visse soddisfatto e immortale.

Post recenti